Incentivi e guida all’acquisto di biciclette elettriche

Torna a Blog
bicicletta mistral wings - cityshopping

Incentivi e guida all’acquisto di biciclette elettriche

Guida all’acquisto della bicicletta elettrica, alcune cose da sapere

  • Prezzo: una buona bicicletta elettrica costa in media dai 900,00 € fino a 1500,00 € ( ovviamente ci sono e-bike che costano molto di più, in questo articolo prendiamo in considerazione una bicicletta elettrica “normale” ). Acquistare prodotti che hanno un prezzo inferiore vuol dire incappare sicuramente su biciclette di scarsa qualità, con batterie scadenti e parti di ricambio inesistenti. Ciò vuol dire che al primo problema dobbiamo essere consci del fatto che ci rimane in mano una bicicletta normale.
  • Assistenza tecnica: fate il vostro acquisto presso un centro vendita/assistenza e verificate che il venditore/tecnico sia preparato e che abbia a disposizione SEMPRE tutti i ricambi. Molti negozi arrivano da una vecchia scuola ( i classici meccanici di biciclette ) dove gli unici fili e collegamenti che sanno fare sono solo quelli del fanalino con la dinamo.Una bicicletta elettrica è un po diversa e bisogna avere una certa preparazione.Molti centri assistenza non vogliono occuparsi della cosa e al bisogno chiamano la casa madre che passa una volta al mese a fare il giro delle riparazioni. Questo comporta enormi perdite di tempo con il rischio che rimanete senza la vostra bicicletta per lunghi periodi.Verificate sempre la presenza delle parti di ricambio, un tecnico rivenditore serio DEVE sempre avere il minimo indispensabile per le riparazioni di routine.
  • Garanzia: il prodotto deve essere garantito per legge due anni, chi vi offre garanzie minori e innanzitutto fuori legge ed è sintomo inequivocabile di scarsa qualità.
  • Batteria: ormai chi vuole vendere una bicicletta elettrica “seria” tratta solo prodotti con batteria al litio. Sono batterie molto leggere e performanti e ovviamente più costose, contrariamente alle batterie al piombo che sono molto molto pesanti ed economiche. Le prestazioni inoltre sono completamente differenti. Gran parte del costo dell’intera e-bike è legata a questo componente fondamentale.
  • Motore: una bicicletta elettrica a norma di legge deve avere un motore con potenza massima di 250 watt. Oltre questo valore si rischia di avere problemi. Solitamente il motore è montato nella ruota posteriore o anteriore ( nella parte anteriore è meglio, in caso di sostituzione ci si mette davvero poco ). Categoria a parte invece per le biciclette con il motore centrale, molto più costoso ma indubbiamente migliore.
  • Sensore di pedalata: nelle biciclette con motore anteriore o posteriore viene montato un normale sensore che rileva la pedalata e attiva il motore.Si tratta di un semplice sensore on/off, la centralina elettronica rileva il segnale e comanda il motore alla massima potenza portando la bicicletta ad una velocità massima di 25 km/h. Con il motore centrale invece  viene montato il sensore di sforzo che rileva la “potenza” della nostra pedalata e di conseguenza regola la corrente al motore consentendo un risparmio di energia che si trasmette poi in una maggiore durata della batteria.

 

Ecoincentivi

Nella giungla delle amministrazioni comunali, regionali e nazionali è molto difficile avere un quadro generale della situazione Italiana su questo argomento.Noi cerchiamo di fare il possibile ma l’impresa non è facile. Abbiamo raccolto alcuni dati dove speriamo che siano attendibili. Nel caso veniate a conoscenza di altre iniziative del genere vi chiediamo la cortesia di inviarci una mail a questo indirizzo info@city-shopping.net in modo tale da aggiornare questa pagina.

Di seguito alcuni comuni e regioni che invogliano l’acquisto di biciclette elettriche:

Comune di Scandicci: 100€ di incentivi per chi acquista una bici elettrica, a disposizione di cittadini di Scandicci o enti con sede legale nel territorio del comune. Il fondo previsto è di 25mila€, ma deve essere condiviso anche con un sistema di incentivi per la trasformazione di auto a metano o gpl. L’incentivo è valido fino al 31 dicembre 2014. Per maggiori informazioni: link

Comune di Napoli: dal primo ottobre 2014 il Comune di Napoli offrirà incentivi di 200€ all’acquisto di bici elettriche. A questo si aggiungerà un ulteriore sconto del 10% da parte dei rivenditori coinvolti nell’iniziativa. Maggiori informazioni dovrebbero essere pubblicate nei prossimi giorni sul sito www.comune.napoli.it

Regione Friuli: è stato approvato a fine luglio il regolamento attuativo di una legge di qualche mese prima, che determinava un incentivo all’acquisto di ebike pari al 30% della spesa totale, entro un massimo di 200€. L’incentivo dovrebbe entrare effettivamente in vigore nei prossimi giorni. Per maggiori informazioni: link

Comune di Bologna: è dal 2012 che il Comune di Bologna, grazie a fondi della Regione Emilia-Romagna, offre incentivi all’acquisto di bici elettriche e ciclomotori elettrici. L’incentivo è pari a 300€ per il semplice acquisto, e 600€ se contestualmente all’acquisto si rottama un ciclomotore Euro 0 o Euro 1. A fine maggio 2014 erano ancora disponibili più di 100mila euro. Per maggiori informazioni: link

Comune di Santorso (VI): per gli abitanti del Comune di Santorso è invece disponibile dall’aprile del 2014 un incentivo di 100€ per l’acquisto di ebike: link

Comune di Catania: incentivi di 250€ per l’acquisto di una bici elettrica e di 500€ per un ciclomotore elettrico. Le informazioni sul sito, aggiornate al 1 giugno 2014, danno il fondo disponibile prossimo all’esaurimento, quindi al momento le domande vengono accettate con riserva.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna a Blog